Storie di grigio, di parchi e di una strana primavera, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger

Imparare ad ascoltare gli altri in 3 semplici mosse

Righe, desideri ed il cielo di Aprile, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger

A volte capita di incontrare delle difficoltà nell’ascoltare l’altro e presto si passa dall’ascoltare al sentire, mentre si elabora una risposta per quando l’altro avrà finito di parlare, senza tentare di prestare attenzione a quello che dice. Il dialogo si blocca a causa di incontinenze verbali. Se tutti vogliamo parlare nello stesso momento, senza ascoltare le ragioni dell’altro, non ci sarà un dialogo vero e proprio, ma solamente monologhi che si sovrappongono.
La comunicazione è importante, lo sappiamo tutti, ma spesso viene posto l’accento sulla capacità di conversare attraverso l’utilizzo efficace della parola. Molto è stato scritto su come diventare buoni comunicatori e su come utilizzare la dialettica per esprimersi al meglio ma c’è una cosa che all’interno di una qualsiasi conversazione è più importante della parola stessa: l’ascolto.

Una conversazione, infatti, coinvolge sempre almeno due persone: una che attraverso le parole cerca di comunicare un messaggio e l’altra che, attraverso l’ascolto, lo recepisce.
Saper ascoltare, dunque, non è meno importante del saper parlare anzi è una vera e propria “arte” che si può imparare e migliorare con il tempo.

A volte capita di incontrare delle difficoltà nell’ascoltare l’altro e presto si passa dall’ascoltare al sentire, mentre si elabora una risposta per quando l’altro avrà finito di parlare, senza tentare di prestare attenzione a quello che dice. Il dialogo si blocca a causa di incontinenze verbali. Se tutti vogliamo parlare nello stesso momento, senza ascoltare le ragioni dell’altro, non ci sarà un dialogo vero e proprio, ma solamente monologhi che si sovrappongono. La comunicazione è importante, lo sappiamo tutti, ma spesso viene posto l’accento sulla capacità di conversare attraverso l’utilizzo efficace della parola. Molto è stato scritto su come diventare buoni comunicatori e su come utilizzare la dialettica per esprimersi al meglio ma c’è una cosa che all’interno di una qualsiasi conversazione è più importante della parola stessa: l’ascolto. Una conversazione, infatti, coinvolge sempre almeno due persone: una che attraverso le parole cerca di comunicare un messaggio e l’altra che, attraverso l’ascolto, lo recepisce. Saper ascoltare, dunque, non è meno importante del saper parlare anzi è una vera e propria “arte” che si può imparare e migliorare con il tempo.

Ascoltare non significa semplicemente aspettare il proprio turno per parlare, né stare in silenzio e annuire. Significa piuttosto essere attivamente in ascolto dei bisogni dell’altra persona, cercare di entrare nel mondo dell’altro, anche se non lo condividiamo. È solo quando ascoltiamo davvero che possiamo identificare quello che non viene detto, come le paure o le vere preoccupazioni.
Come possiamo tentare di risolvere un qualunque conflitto se neghiamo le emozioni? Le nostre emozioni ci fanno muovere verso (o ci allontanano da) quello che è importante per noi. Tutti hanno emozioni, e rifiutarle implica perdere una parte vitale della relazione. Quando qualcuno sta con-dividendo le proprie emozioni, positive o negative che siano, è essenziale riconoscergliele, anche e soprattutto quando dal nostro punto di vista non hanno senso. Vi siete mai ritrovati a dire a qualcuno: «Non devi essere arrabbiato», oppure: «Non ha senso che tu pianga»? o addirittura il gettonatissimo «calmati».

#JapaneseGlam: un viaggio in Giappone con i colori di Estrosa, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger

Ha funzionato? Le emozioni non sono logiche, sono psicologiche, ovvero hanno senso per la mappa della persona. Non significa che vadano per forza seguite o fomentate, ma almeno vanno rispettate. Quando identifichiamo e riconosciamo un’emozione, per-mettiamo a una persona di scaricarsi. Allora si sente ascoltata e capita; allora le emozioni positive aumentano e quelle negative pian piano si dissipano.
Come possiamo mettere in pratica questi insegnamenti? Ecco qualche consiglio per allenarci:

Il 100%
Per essere dei buoni ascoltatori è necessario mettere a disposizione di chi ci parla tutta la nostra attenzione, lasciare fuori i problemi, rilassarci e trovare quella calma interiore che ci permette di ascoltare a cuore aperto e di accogliere interamente la vera essenza della persona che abbiamo di fronte.
Interpreta i segnali
E’ molto importante ascoltare anche ciò che l’altra comunica con l’atteggiamento, i movimenti del corpo, il tono di voce e lo sguardo. Non fermiamoci all’apparenza delle parole, perché è possibile che il nostro interlocutore non si riesca ad esprimere nella forma più corretta, magari è in preda alle emozioni anche lui/lei. La cosa importante è il senso delle sue parole, le sensazioni e le emozioni che la persona che abbiamo davanti sta provando e ci sta trasmettendo.

Red fairy tale: la favola di Cuoieria Fiorentina, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger

Non è una gara
Mentre siamo intenti ad ascoltare evitiamo di pensare già a come rispondere. Questa non è una gara a chi ha ragione, non si vince nulla ma si ha tutto da perdere se non si gestisce bene la conversazione, perché si rischiano fraintendimenti e questo porta a chiuderci. Non si ascolta per rispondere, si ascolta per aiutare, per comprendere, per imparare e per crescere insieme.
Ascoltare è qualcosa che si può imparare, giorno dopo giorno, che arricchisce interiormente noi stessi e che si vede esteriormente nelle nostre dimostrazioni e nei nostri comportamenti. E’ un gesto che dimostra maturità e sicurezza.
In fondo, quando si parla con qualcuno si mettono a contatto due anime di uguale valore e bellezza, non per combattere in una gara senza senso, ma per condividere, apprendere, donare e ricevere comprensione.

Ph. MAX FIORINDO

Credits Lucia Giovannini

Share

7 comments on “Imparare ad ascoltare gli altri in 3 semplici mosse

  1. Marian
    giugno 19, 2017 at 7:57 pm

    Me han encantado todos los looks!
    Feliz lunes guapa
    https://nairgraphies.com/blog

  2. Gina Beltrami
    giugno 19, 2017 at 10:13 pm

    ottimi consigli..spesso si ascolta senza ascoltare davvero!
    bacioni Gina

    new post
    F-Lover Fashion Blog by Gina Beltrami

  3. Federica Di Nardo
    giugno 20, 2017 at 9:19 am

    Ben detto 🙂

    Federica
    http://www.federicadinardo.com

  4. andrea
    giugno 20, 2017 at 11:57 am

    parole sante le tue : ) quanta gente dovrebbe leggere questo post! buona giornata, ciao Andrea

  5. alessandra
    giugno 20, 2017 at 1:07 pm

    Ottimi consigli, l’ultimo abito è stupendo
    http://www.alessandrastyle.com

  6. Eni
    giugno 20, 2017 at 5:06 pm

    Che bei outfit, mi piacciono tutti!
    Baci,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

  7. http://fidalma.blogspot.it/?m=1
    giugno 20, 2017 at 5:55 pm

    Ascoltare l’altro in modo autentico e senza pregiudizi e’ il regalo più bello che possiamo fare, ricevendo in cambio un’apertura straordinaria…
    Stupenda la tua immagine nel campo di grano Alessia!!!
    Buona serata
    http://www.fidalma.blogspot.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *