Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile. Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti” A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi. To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better. The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Turquoise & coral pink

Turquoise & coral pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima…E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile. 

Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”

 

A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio.

Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.

To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better. 

The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you’re intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that’s the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

Passa un minuto. Ne passano due. Tre. Non so più quanti ne passano, quando eccola. Ma sì, sì. Eccola. Mi appare: la vita. Che scorre, semplicemente. Lungo questa stradina di Delft. Scorre. Per le due donne, per i bambini. Per tutti. Implacabile. Sempre uguale. Implacabile perché sempre uguale. Perché sempre uguale, a tratti bellissima...E improvvisamente capisco, so. Che non sono i viaggi per il mondo, non sono i deserti immensi, le cattedrali, gli eserciti di terracotta, i panda, i canyon con Mio Marito che mi mancano: no. Non sono “i fatti salienti, le contraddizioni e le opere d’arte”. Ma è quella cosa lì che mi manca. La vita sempre uguale. Bellissima. Implacabile.    Chiara Gamberale, “ Per dieci minuti”   A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio. Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro. La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una mattina anonima di metà settembre, sospesa nel limbo di un autunno non ancora ufficialmente tale. Tra pianeti allineati, costellazioni di stelle intrecciate fra loro ed i fiori, sempre. La pioggia che cede finalmente il passo ad un timido raggio di sole. E noi. Si, noi. Che possiamo vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a voi la scelta. Il piede sinistro giù dal letto ed il caffè delle sette e trentacinque, quando la sveglia ha già suonato tre-volte-tre. Perché è così che iniziano tutti i nostri giorni, anche questo. Attimi, frammenti, istanti, perché non voglio giorni da ricordare ma vita tra le dita. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dall’onda o fermarci e respirare. Scegliere la direzione, e poco importa dove porta la corrente. A chi sceglie di volare alto, sempre. E a chi, in fondo, ha solo paura di buttarsi.   To us, and to life. That is not always as we imagine it, but sometimes even better.  The fate that messes up the plans, shuffles the cards, changes course while you're intent on doing anything else. The life that you don’t expect. That, as hands on the eyes, surprises you, in an anonymous morning of mid-September, suspended in a limbo for an autumn not yet officially started. Among aligned planets, constellations of stars intertwined and flowers, always. The rain finally gave way to a timid ray of sunshine. And we will. Yes, us. We can see the glass half full or half empty, the choice is yours. The left foot off the bed and the coffee of seven thirty-five when the alarm has already sounded three times three. Because that's the start of all our days. Moments and fragments, because I do not want to remember days but life between my fingers. Us, which is given to choose if being dragged by the wave or to stop and breathe. Choose the direction, and no matter where the current leads. To those who choose to fly high, always. And to those who, after all, are just afraid to jump.

GIACCASHEINSIDEBORSAPROENZASCHOULERSMARTPHONEWIKO_06

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

GIACCASHEINSIDEBORSAPROENZASCHOULERSMARTPHONEWIKO_02

turquoise & pink, alessia milanese, thechilicool, fashion blog, fashion blogger, proenza schouler ps1 bag

JACKET SHEINSIDE

JEANS XCAPE

BAG PS1 PROENZA SCHOULER

BRACELET LOVE LASTIC

WATCH HOOPS

SMARTPHONE WIKO #rainbowsummer

SUNGLASSES NO BRAND

BOOTS NO BRAND

  • 5

    Overall Score

  • Reader Rating: 1 Votes

Share

You May Also Like

99 comments on “Turquoise & coral pink

  1. Lilli
    settembre 12, 2014 at 3:34 pm

    Che belle le parole iniziali, molto incoraggianti. Mi piacciono questi colori assieme, mi fanno pensare all’estate ed alle vacanze. E ti stanno benissimo Alessia, poi come sai adoro quando porti i capelli così. Buon weekend!:**

  2. Marci&Cami
    settembre 12, 2014 at 3:38 pm

    Davvero molto carina questa giacca/kimono!
    Si sposa perfettamente con il colore della borsa!

    XOXO

    Cami&Marci

    Paillettes&Champagne

  3. mario s
    settembre 12, 2014 at 3:39 pm

    Splendida come sempre!

  4. Sandra Leiva
    settembre 12, 2014 at 3:42 pm

    Beautiful jacket and great booties!

    xx

    http://www.madridforniagirl.com/

  5. Fabio C.
    settembre 12, 2014 at 3:48 pm

    Visto il mio attuale stato di animo mi sono molto immedesimato nelle parole di questo post. In questo momento particolare, in cui le congiunture astrali sembrano essere tutte negative bisogna assolutamente affrontarla a muso duro e trovare quel coraggio di buttarsi in qualcosa in cui si crede: tanto poi, per quanto ci si sarà scervellati nel cercare di prevedere tutte le possibilità, il fato metterà sempre il suo zampino, sperando sempre che sia uno zampino positivo.
    Venendo al tuo outfit, trovo che la sua essenza sia esplicitata nel tuo tuo sorriso della prima foto ovvero questo outfit, a mio avviso esprime serenità. La sua armonia quasi zen data dal perfetto incastro di tutti i colori è tale da ispirarmi serenità e in questo periodo mai cosa è più gradita di un tocco di serenità.
    Dettò ciò ritengo doveroso ribadirti che sei sempre più brava e bella!

  6. maylovefashion
    settembre 12, 2014 at 4:00 pm

    ale ma sono tutte belle queste giacche che stai indossando ultimamente, tutte con belle combinazioni di colori!

  7. Mariantonella
    settembre 12, 2014 at 4:01 pm

    Bella borsa :3

  8. mammaaltop
    settembre 12, 2014 at 4:18 pm

    sei un splendore tesoro!! bellissima la giacca!! un bacione

    http://www.mammaaltop.com

  9. The AnarCHIC
    settembre 12, 2014 at 4:21 pm

    Stimo Chiara Gamberale come persona e come scrittrice! Il tuo look, mi piace moltissimo, fresco e colorato!
    Un abbraccio
    Eva e Valentina the anarCHIC

  10. cassandra make up artist
    settembre 12, 2014 at 4:30 pm

    che meraviglia questo punto di corallo!!
    adoro il rossetto!!

  11. Mario
    settembre 12, 2014 at 4:39 pm

    Sei stupenda Ale. :)
    Corvus88

  12. Monica Amenduni
    settembre 12, 2014 at 4:44 pm

    Stai benissimo! Adoro sempre i tuoi look (:

  13. Elisa
    settembre 12, 2014 at 4:46 pm

    Carina la camicetta e spettacolare la borsa …. ma fighi questi telefoni!!!

    Buona giornata,
    Elisa – My Fantabulous World

  14. KizzyDoll
    settembre 12, 2014 at 4:52 pm

    So gorgeous, love the colour combinations :)) Have a great weekend xx

  15. Fabiola Tinelli
    settembre 12, 2014 at 4:55 pm

    Bellissima questa giacchina kimono, adoro la stampa e anche i colori!

  16. Maya
    settembre 12, 2014 at 4:58 pm

    i love the watch and the floral kimon, nice outfit 😀

    gdlstreets.com

  17. Fabrizia
    settembre 12, 2014 at 5:11 pm

    Mi piace questo abbinamento di colori allegri!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

  18. Elena
    settembre 12, 2014 at 5:27 pm

    Molto carino il look, borsa e jeans adorabili :)

    xoxo
    http://www.bellezzefelici.blogspot.com

  19. Stella
    settembre 12, 2014 at 5:44 pm

    Wonderful look! And I love yor watch!

    http://www.sugarpopfashion.com

  20. Antonella
    settembre 12, 2014 at 6:02 pm

    Il fiacchino è spettacolare!!

    Nelslicious || Facebook, Bloglovin & Twitter
    xxx

  21. Adele
    settembre 12, 2014 at 6:15 pm

    Iddio sono fantastici questi stivaletti

  22. Francesca R
    settembre 12, 2014 at 6:17 pm

    A me che il bicchiere lo vedo sempre mezzo pieno ma che sto meditando sul perchè ho venduto la proenza……bellissimo il giacchino ale!

  23. alessandra
    settembre 12, 2014 at 6:21 pm

    Bel look! Mi piace molto il kimono e stupenda la borsa!
    http://www.alessandrastyle.com

  24. Giulia
    settembre 12, 2014 at 6:24 pm

    Come stai bene, Ale! La seconda foto è stupenda!
    xoxo
    G

  25. Carmen
    settembre 12, 2014 at 6:31 pm

    Perfetta come sempre :)
    buon weekend :*

  26. Giusy M.
    settembre 12, 2014 at 6:41 pm

    La vita mi ha scombussolato le carte. Lo ha fatto un’altra volta. Io cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno. Cerco di non aver paura e vado avanti.
    Mi piace questo look. Un bacione :*

  27. giuliana
    settembre 12, 2014 at 6:47 pm

    Molto bella la giacca, la stampa ha dei colori bellissimi!

  28. Lucy
    settembre 12, 2014 at 7:07 pm

    Belli questi colori! E il rossetto? Marca e colore please, è meraviglioso! Lucy http://www.tpinkcarpet.com

  29. veronica
    settembre 12, 2014 at 7:14 pm

    Bellissima questa giacca con questi colori! mi piace questo look!
    Baci cara e buona serata!
    Passa a trovarmi VeryFP

  30. Chic Readings
    settembre 12, 2014 at 7:22 pm

    Great color combination, love it:)

  31. Caro*
    settembre 12, 2014 at 7:25 pm

    Marvelous bag sweetie ! You are so chic :)

  32. elisa
    settembre 12, 2014 at 7:29 pm

    favolosi questi stivaletti!
    Nameless Fashion Blog

  33. Elisabetta
    settembre 12, 2014 at 7:30 pm

    Mi piace soprattutto come ci sa il tocco di colore delle scarpe! Baci Elisabetta

  34. Elisa
    settembre 12, 2014 at 7:32 pm

    2 metri di gambe…sei bellissima in qsto look!
    Un bacio
    Eli
    http://www.blackstarstyle.com

  35. carmen
    settembre 12, 2014 at 7:36 pm

    stupendo l’orologio Ale!
    http://www.mrsnoone.it
    kiss

  36. Marilovegr33n
    settembre 12, 2014 at 7:43 pm

    Quello che scrivi é bellissimo, dovremmo sempre pensare al valore della vita.
    xxx
    Mari
    http://www.ilovegreeninspiration.com

  37. Margaret Dallospedale
    settembre 12, 2014 at 7:44 pm

    Ciao bellissima Alessia,
    Oggi mi colpisce la camicia con questa stampa così bella.
    Mi piace molto questo outfit, osservandolo con attenzione è un vero saluto all’estate e un bentornato all’autunno.
    Un bacione
    Maggie D.
    The Indian Savage Diary Fashion blog

  38. Chiara Vitaloni
    settembre 12, 2014 at 7:46 pm

    Sono due colori che adoro…buon weekend bellissima!
    My Accessories World

  39. sweetmakeupandfashion
    settembre 12, 2014 at 7:50 pm

    stupendo questo outfit amo questi colori!!!

  40. Ilaria
    settembre 12, 2014 at 8:04 pm

    Liscia stai benissimo….io ti preferisco così :) che bello questo outfit….è meraviglioso e, nonostante i colori e le stampe calde, è adattissimo alla prossima stagione :) un bacio cara!!

    Clothes stolen from mom’s closet. Sassari and palms

  41. Paolo The Look Lover
    settembre 12, 2014 at 8:32 pm

    “A noi, e alla vita. Che non è sempre come ce la immaginiamo, a volte però persino meglio.”
    Una frase bellissima Alessia…come il tuo look e quelle adorabili shoes :)

    Un abbraccio grande e passa uno splendido week end!

    Paolo

  42. tr3ndygirl
    settembre 12, 2014 at 8:40 pm

    che bei colori,forse te l’ho già detto che amo la tua it bag
    stupendi anche i tronchetti
    tr3ndygirl fashion blog
    un bacione

  43. TruccatiConEva
    settembre 12, 2014 at 8:41 pm

    Mi piacciono troppo i colori che indossi oggi!!! E che bella la borsa!
    Baci
    TruccatiConEva

  44. Paola Fratus - Pollywood
    settembre 12, 2014 at 9:57 pm

    “Al destino che scombina i piani, mescola le carte, cambia rotta mentre sei intento a fare altro.”
    E’ verissimo…
    Mi piacciono tanto i colori del tuo look e che bello l’orologio!
    Un bacio
    Paola

    PollywoodbyPaolaFratus

  45. Dania
    settembre 12, 2014 at 10:15 pm

    Stupenda la giacca, ha una stampa floreale che adoro!
    Bacio Alessia

    NEW POST

    http://www.angelswearheels.com

  46. ivana
    settembre 12, 2014 at 10:20 pm

    che bella sei! mi piace un sacco il kimono…adoro i colori di questo look!

  47. Paola Buonacara
    settembre 12, 2014 at 10:43 pm

    Splendida Alessia!!
    Baci Paola

    http://www.themorasmoothie.com
    FACEBOOK
    INSTAGRAM

  48. Launna
    settembre 12, 2014 at 11:33 pm

    Such a cute little jacket Aleesia… I adore the color of your purse :)

  49. Myemptybag
    settembre 12, 2014 at 11:39 pm

    Amazing!

  50. SissiMum Paola
    settembre 13, 2014 at 12:59 am

    Bella, come sempre! Le tue parole sono sempre meravigliose… brava!
    Bacio
    Paola
    http://www.sissiworld.net/today-its-all-about-soft/

  51. docdivatraveller
    settembre 13, 2014 at 8:06 am

    Beautiful printed jacket and bag!
    http://docdivatraveller.blogspot.in/

  52. michy x
    settembre 13, 2014 at 8:07 am

    Adoro questo tuo outfit, i colori sono meravigliosi le scarpe bellissime!

  53. little fairy fashion
    settembre 13, 2014 at 8:07 am

    Colori freschi e leggeri…..colori perfetti! Kiss kiss Silvia
    Ti aspetto sul mio blog http://www.littlefairyfashion.com con “FOGLIE DORATE”

  54. daniela64
    settembre 13, 2014 at 8:34 am

    Mi hanno colpito le parole di questo post, un po’ mi ci sono ritrovata, a volte la ti scombina le carte di quello che si pensava già programmato. Sei splendida , mi piace molto il tuo look. Un saluto Daniela.

  55. cristina
    settembre 13, 2014 at 8:40 am

    que guapa me gusta mucho la camisa es preciosa.Un besazo

    http://www.thedesire.es/
    http://www.bloglovin.com/en/blog/10612739

  56. redhead&blondie
    settembre 13, 2014 at 8:57 am

    Ciao ale! La borsa è fantastica, questo colore fluo ravviverebbe qualsiasi look :)

  57. docdivatraveller
    settembre 13, 2014 at 9:27 am

    Beautiful printed jacket and bag!gorgeous boots!
    http://docdivatraveller.blogspot.in/

  58. Barbara
    settembre 13, 2014 at 9:29 am

    look leggero e raffinatissimo!!!

  59. Serena
    settembre 13, 2014 at 9:54 am

    bellissima!!
    adoro la giacchetta!!
    un bacione
    http://mywonderrfulworld.blogspot.it/2014/09/del-rosa-non-ne-ho-mai-abbastanza.html

  60. valeria
    settembre 13, 2014 at 11:14 am

    Io adoro entrambi i colori!
    Kiss.

    http://www.myurbanmarket.net

  61. Rafaela
    settembre 13, 2014 at 12:53 pm

    Love your jacket and your boots!!

    http://fashionwalkinbrussels.blogspot.com/

  62. G.
    settembre 13, 2014 at 3:10 pm

    Adoro la blusa <3

  63. Followpix
    settembre 13, 2014 at 5:23 pm

    Belli, allegri e vitaminici questi colori Ale :)
    Buon weekend!

  64. Malin Rouge
    settembre 13, 2014 at 6:19 pm

    The different shades of pink look great :)

    Spark&Bark

    xx

  65. Chocolate Rose Style
    settembre 13, 2014 at 8:13 pm

    Adoro la tua camicia!
    Chocolate Rose Style

  66. Melange-Boutique By Noe&Lolita
    settembre 13, 2014 at 8:21 pm

    Fantastic, love that colour contrast and the beautiful flower kimono

    Melange-Boutique Blog by Noe&Lolita

  67. Alessia
    settembre 13, 2014 at 10:13 pm

    Sai che vedo citazioni di questo libro ovunque??? mi sa proprio che devo leggerlo!!! Che bella questa camicia e la borsa :)

    ♥ Alixia le chat gourmand

  68. Veronica
    settembre 13, 2014 at 10:15 pm

    Bellissima Ale!!

  69. elisabetta
    settembre 14, 2014 at 3:09 am

    Ciao, molto molto belli i booties 😀

    ELIZABETH BAILEY BLOG

  70. Ida G.
    settembre 14, 2014 at 10:11 am

    Chiara Gamberale… letta proprio quest’estate :)
    Corsi Fashion Blogging
    Le Stanze Della Moda

  71. margherita
    settembre 14, 2014 at 1:20 pm

    Sei splendida, adoro la tua camicia!

  72. martina
    settembre 14, 2014 at 1:22 pm

    Leggo sempre con grande piacere i tuoi testi, sei molto brava, scrivi benissimo! Un look molto bello! Mi piaci ogni giorni di più!

  73. sara
    settembre 14, 2014 at 1:23 pm

    Un giacchino dai colori stupendi, bellissimo look!

  74. elena
    settembre 14, 2014 at 1:24 pm

    Sei splendida! Ti adoro!

  75. Ilaria
    settembre 14, 2014 at 1:26 pm

    Bellissimo questo post, sei molto brava. il look poi è molto bello. Mi piace moltissimo la camicia!

  76. sandro m.
    settembre 14, 2014 at 1:30 pm

    ‘La vita che non ti aspetti’, eh si!! Puoi dirlo, il destino mi ha scombinato i piani, è bastata una telefonata e tutto è cambiato. Niente di più vero.
    Un outfit bellissimo, complimenti!

  77. Donny
    settembre 14, 2014 at 3:23 pm

    Ale, sei bellissima in queste foto. Verrai alla Fashion Week? xoxo D.

    • The Chili Cool by Alessia Milanese
      settembre 14, 2014 at 4:15 pm

      Tesoro non credo! bacione

  78. stefania
    settembre 14, 2014 at 4:57 pm

    Un look molto carino e il jeans stupendo.

  79. Federica
    settembre 14, 2014 at 5:15 pm

    Bel look, mi piace moltissimo!!:)baciii

  80. Rebeca
    settembre 14, 2014 at 7:23 pm

    Love it this combo!

  81. Teresa Morone
    settembre 14, 2014 at 8:57 pm

    Bellissimo post!

  82. Cristina Lodi
    settembre 14, 2014 at 10:23 pm

    la borsa è un amore

    2 Fashion Sisters

  83. Mina
    settembre 15, 2014 at 12:41 am

    Belle le scarpe, anche se le trovo più autunnali/invernali rispetto all’outfit ancora abbastanza estivo/primaverile. Mi piace molto il kimono :)

    Mina ♥ My fashion blog: The Style Fever

  84. Elisabet
    settembre 15, 2014 at 1:02 pm

    Very nice outfit, love the colors

    http://oneusefashion.wordpress.com/

  85. Cristiane Oliveira
    settembre 15, 2014 at 7:52 pm

    Quanto mi piace la tua borsa.

  86. LoveT.
    settembre 15, 2014 at 7:57 pm

    How beautiful <3
    One of my favorite Outfits!

    kisses

  87. Tatiana
    settembre 15, 2014 at 9:51 pm

    Tesoro che bella la blusa <3
    Kiss e buon lunedì

    Tati loves pearls

  88. Barbara Valentina Grimaldi
    settembre 16, 2014 at 5:10 pm

    bello questo pattern floreale
    ♡B.
    LOVEHANDMADE.ME

  89. Salvo
    settembre 16, 2014 at 11:02 pm

    Abbinamento di capi ed accessori eccellente!
    Look splendido!
    Salvo

  90. alessia
    settembre 17, 2014 at 11:30 am

    bellissimo questo kimono ale!

  91. Fashion Dupes
    settembre 17, 2014 at 12:17 pm

    Bellissimo il kimono!
    Fashion Dupes

  92. audrey
    settembre 20, 2014 at 1:32 am

    bellissima la borsa!

  93. Elisabeth
    settembre 20, 2014 at 3:55 pm

    Great look and love the colors

    http://oneusefashion.wordpress.com/

  94. eriel
    ottobre 20, 2014 at 2:40 pm

    divino!
    FOLLOW ME ON FACEBOOK
    CHIC STREET CHOC

  95. angelichic
    novembre 2, 2014 at 1:54 am

    ma quanto è bello leggerti e grazie per le splendide citazioni.

  96. angelichic
    novembre 2, 2014 at 1:55 am

    Costruisci sempre dei post adorabili, questo ha dei capi bellissimi, la blusa è un sogno!!!

  97. angelichic
    novembre 2, 2014 at 1:57 am

    Adoro le stampe floreali e l’abbinamento con borsa e scarpe è magico, sei bravissima.

    http://WWW.ANGELICHIC.COM

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *